La biodiversità del golfo di Napoli ai tempi del Guarracino

di Carmelo Maiorca

Considerata una delle prime e più celebri tarantelle napoletane, la canzone “Lo Guarracino” include un numero davvero straordinario di pesci e di altre creature marine. Un variegato e incalzante elenco in versi e musica scritto da un evidente conoscitore della fauna ittica nella lingua napoletana di oltre due secoli fa, come tutto il testo che riproduciamo integralmente, seguito dai nomi in italiano delle specie citate. L’originario canto di estrazione popolare e di autore ignoto, risalente secondo alcune fonti al 1768, fu più volte trascritto e arrangiato melodicamente da musicisti locali e forestieri a partire dai primi decenni dell’Ottocento, nell’ambito del crescente interesse verso la musica e la canzone popolare che si diffuse nella città partenopea. La trascrizione più conosciuta arrivata fino ai giorni nostri è attribuita al compositore ed editore Guglielmo Cottrau (1797-1847), nato a Parigi e vissuto sin dall’adolescenza a Napoli. Diventato un classico senza tempo, “Lo guarracino” è stato e continua a essere interpretato da molti artisti. Tra le esecuzioni più note sono da ricordare quella solista di Roberto Murolo e la stupenda versione polistrumentale della Nuova Compagnia di Canto Popolare. Ispirato alla canzone c’è pure un cortometraggio di buon livello realizzato qualche anno fa dal regista Michelangelo Fornaro. Il personaggio del Guarracino, che dà il nome alla vicenda ambientata nel golfo di Napoli, è un piccolo pesce della famiglia dei pomacentridi. Il nome scientifico attribuitogli da Linneo è Chromis chromis, mentre in italiano è detto castagnola (niente a che vedere con il pesce castagna). Nel Mare in pentola di Alan Davidson, ampia e dettagliata guida di pesci, crostacei e molluschi commestibili del Mediterraneo pubblicato la prima volta nel 1972 e tuttora di utile consultazione, l’autore gli dedicò appena due righe, non ritenendolo sufficientemente interessante dal punto di vista gastronomico. In effetti, a causa delle sue carni troppo ricche di spine a fronte delle ridotte dimensioni, è difficile trovare a Napoli estimatori del guarracino. Che invece, racconta il bravo e divertente cantastorie Stefano Serino – performance visibile su You Tube – era utilizzato dalle fattucchiere della zona di Mariannella per la preparazione di fatture d’amore (da suggerire agli autori Disney di Amelia «la fattucchiera che ammalia», che giusto alle pendici del Vesuvio ha la sua base da dove ogni tanto parte per cercare d’impossessarsi del primo centesimo portafortuna di Paperon de’ Paperoni).

La Storia

Nella canzone non si parla di pozioni e filtri magici; al Guarracino, andando per mare, era venuta voglia di sposarsi: la scintilla d’amore scatta appena vede la Sardella che gorgheggia affacciata al balcone. Il pescetto innamorato si rivolge alla vecchia e maliziosa Bavosa affinché porti l’ambasciata alla Sardella la quale, superata l’iniziale vergogna, fa capire al Guarracino che il suo interesse è corrisposto. Appostata da quelle parti c’è però la Patella ficcanaso che avverte il tonnetto Alletterato, precedente corteggiatore della Sardella. L’Alletterato s’infuria, si arma di tutto punto, esce a cercare il Guarracino, e, una volta trovato, lo riempie di botte. La lite innesca il coinvolgimento di parenti e amici dell’uno e dell’altro spasimantecontendente, «pisce gruosse e piccerille d’ogni ceto e nazione», che arrivano numerosi trasformando la rissa in una travolgente guerra sottomarina. Il lungo racconto finisce soltanto perché al narratore non rimane più fiato per cantare ed egli si congeda dai presenti bevendo un bicchiere di vino. In un vecchio e interessante articolo che abbiamo scovato, pubblicato sulla rivista «Didattica delle Scienze» nel febbraio 2003 col titolo “Una finestra sulla biodiversità di un ecosistema marino”, il professore Vincenzo Boccardi scriveva, tra l’altro: «Lo guarracino è un canto che può essere considerato come un originale inventario della fauna marina che popolava il Golfo di Napoli nel XVIII secolo, e ha valore come testimonianza storica della biodiversità di un ecosistema marino del passato (…). Da qui si può passare alla considerazione di una serie di problematiche di tipo ecologico, legate da un lato all’inquinamento delle acque costiere e dall’altro allo sfruttamento irrazionale delle risorse ittiche come il problema delle specie in rarefazione e di quelle minacciate di estinzione.» Per molto tempo biologi e naturalisti si sono cimentati nel tentativo di far corrispondere l’esatta definizione scientifica a ognuno degli organismi riportati nel canto con nomi in napoletano. Il lavoro d’identificazione più preciso è stato quello della biologa marina e ricercatrice del Cnr di Ischia Maria Cristina Gambi, che raccolse dalla viva voce dei pescatori ischitani molte notizie riportate nel volume Gli organismi marini ne Lo Guarracino, Benincasa Editore, Napoli.

Lo Guarracino 

canto popolare napoletano, testo di autore anonimo della seconda metà  del Settecento

Lo Guarracino che jeva pe‘ mmare lle venne voglia de se nzorare se facette no bello vestito de scarde de spine pulito pulito co na perrucca tutta ngrifata de ziarelle mbrasciolata co lo sciabò scolla e puzine de ponte angrese fine fine.

Cu li cazune de rezza de funno scarpe e cazette de pelle de tunno, e sciammeria e sciammerino d’aleche e pile de voje marino, cu buttune e buttunera d’uocchie de purpo, secce ’e fera, fibbia, spata e schiocche ndorate de niro de secce e fele d’achiata.

Ddoje belle cateniglie de premmone de conchiglie, no cappiello aggallonato de codarino d’aluzzo salato tutto posema e steratiello jeva fecenno lo sbafantiello, gerava da ccà e da lla la nnamorata pe’ se trovà.

La Sardella a lo barcone steva sonanno lo calascione; e a suone de trommetta jeva cantanno st’arietta: «E llare’ lo mare e lena e la figlia de la zi’ Lena ha lassato lo nnammorato pocca niente l’à rialato».

Lo Guarracino ’nche la guardaje de la Sardella s’annammoraje; se ne jette da na Vavosa la cchiù vecchia maleziosa; l’ebbe bona rialata pe’ mmannarle la mmasciata; la Vavosa pisse pisse chiatto e tunno nce lo disse.

La Sardella ’nch’a sentette rossa rossa se facette pe’ lo scuorno che se pigliaje sotto a no scuoglio se ’mpizzaje; ma la vecchia de la Vavosa subeto disse: «Ah, schefenzosa! De sta manera nun truove partito ncanna te resta lo marito.

Se aje voglia de t’allocà tante smorfie non aje da fà; fore le zeze e fora lo scuorno, anema e core faccia de cuorno». Ciò sentenno la Sardella s’affacciaje a la fenestella, fece n’uocchio a zennariello a lo speruto nnammoratiello.

Ma la Patella che steva de posta la chiammaje faccia tosta, tradetora, sbrevognata senza parola, male nata, ch’avea nchiantato l’Alletterato, primmo e antico nnammorato, de carrera da chisto jette, e ogne cose lle dicette.

Quanno lo ntise lo poveriello, se lo pigliaje Farfariello; jette a la casa, s’armaje a rasulo se carraje comm’a no mulo de scoppette e de spingarde, pòvere, palle, stoppa e scarde, quattro pistole e tre bajonette dint’’a la sacca se mettette.

’Ncopp’a li spalle sittanta pistune, ottanta bomme e novanta cannune; e comm’a guappo Pallarino jeva trovando lo Guarracino. La disgrazia a chisto portaje che mmiez’a la chiazza te lo ncontraje… Se l’afferra po’ cravattino e po’ lle dice: «Ah malandrino!

Tu mme lieve la nnammorata e pigliatella sta mazziata». Tuffete e taffete a miliune Lle deva paccare a secazzune, schiaffe, ponie e perepesse, scoppolune, fecozze e connesse, scerevecchiune e sicutennosse e l’ammacca osse e pilosse.

Venimmocenne ch’a lo rommore pariente e ammice ascettera fore, chi co’ mazze, cortielle e cortelle, chi co’ spate, spatune e spatelle, chiste co’ barre, chille co’ spite, chi co’ ammennole e chi co’ antrite, chi co’ tenaglie e chi co’ martielle, chi co’ torrone e sosamielle.

Patre, figlie, marite e mogliere s’azzuffajeno comm’a fere. A meliune correvano a strisce de sto partito e de chillo li pisce. Che bediste de sarde e d’alose! De palaje e raje petrose! Sarache, dienteche e achiate, scurme, tunne e alletterate!

Pisce palumme e piscatrice, scuorfene, cernie e alice, mucchie, ricciole, musdee e mazzune, stelle, aluzze e storiune, merluzze, ruòngole e murene, capodoglie, orche e vallene, capitune, aùglie e arenghe, ciefere, cuocce, tràccene e tenghe.

Treglie, trèmmole, trotte e tunne, fiche, cepolle, laùne e retunne, purpe, secce e calamare, pisce spate e stelle de mare, pisce palumme e pisce martielle, voccadoro e cecenielle, capochiuve e guarracine, cannolicchie, ostreche e ancine.

Vongole, còcciole e patelle, pisce cane e grancetielle, marvizze, màrmure e vavose, vope prene, vedove e spose, spìnole, spuònole, sierpe e sarpe, scàuze, ’nzuòccole e cò le scarpe, sconciglie, gàmmere e ragoste, vennero nfino cò le poste.

Capitune, sàure e anguille, pisce gruosse e piccèrille, d’ogne ceto e nazione, tantille, tante cchiù tante e tantone! Quanta botte, mamma mia! Che se dèvano, arrassosia! A centenare le barrate! A meliune le petrate!

Muorze e pìzzeche a beliune! A delluvio le secuzzune! Non ve dico che bivo fuoco se faceva per ogne luoco! Te, tte, tte, ccà pistulate! Ttà, ttà, ttà, llà scoppettate! Ttù, ttù, ttù, ccà li pistune! Bù, bù, bù, llà li cannune!

Ma de cantà sò già stracquato e me manca mo lo sciato; sicchè dateme licienza, graziosa e bella audienzia, nfì che sorchio na meza de seje, co’ salute de luje e de leje, ca se secca lo cannarone sbacantànnosse lo premmone.

-> nomi in italiano delle specie elencate nel canto
Castagnola, tonno, alghe, foca monaca, polpo, seppia, delfino, occhiata, luccio di mare/barracuda, sardina, bavosa, patella, tonnetto alletterato, alosa/ cheppia, sogliola, razza, sarago, dentice, sgombro, pesce palombo, rana pescatrice, scorfano, cernia, alice/acciuga, trigone (o pastinaca?), ricciola, musdea, motella, ghiozzo, leccia stella, storione, nasello, grongo, murena, capodoglio, orca, balena, anguilla/capitone, aguglia, alaccia, cefalo, capone coccio, tracina, tinca, triglia, torpedine, trota, merluzzetto, cepola, latterino, zerro, calamaro, pesce spada, stella di mare, pesce martello, bocca d’oro, bianchetto, seppiola, cannolicchio, ostrica, riccio di mare, vongola, cuore edule/cocciola, pescecane, granchio, tordo, marmora, boga, spigola, spondilo, pesce serpente (o pesce sciabola?), salpa, murice, gambero, aragosta, sauro/suro.