Slow Food Planet

Una nuova frontiera nel mondo delle guide

di Eugenio Signoroni

A ottobre, anche durante il Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, sarà lanciata la app di nuova generazione che si propone l’ambizioso obiettivo di mappare il mondo slow, fatto di ristoranti, osterie, botteghe, caffè, bar, locali di varia natura e produttori che rispondono ai nostri criteri di qualità. Si inizia con l’Italia e alcuni “pezzi” di mondo, per arrivare in futuro a coprire tutta la nostra rete, ovunque essa sia presente. Un’app, o forse è meglio parlare di un amico.

Chi di noi non ha mai scritto a un amico che vive nella città dove si sta per recare chiedendo un consiglio su dove andare a cena? Tutti, almeno una volta nella vita. Immaginiamo ora che questo amico viva un po’ in tutto il mondo e si chiami Slow Food. Sembra un’immagine impossibile da comporre, eppure, da ottobre, questo amico globale esisterà e si chiamerà Slow Food Planet. Slow Food Planet è il nuovo progetto della nostra casa editrice (realizzato con la partnership di Lavazza): un’applicazione per tablet e smartphone (in italiano e in inglese) alla quale chiedere consiglio su dove andare a pranzo, a fare merenda o colazione, a prendere un cocktail o un tè, a comprare un pezzo di formaggio locale o a incontrare un produttore. L’idea di Slow Food Planet nasce circa dieci anni fa, proprio quando Slow Food diventa un movimento diffuso in tutto il pianeta. Come fare per rendere noto a tutti il patrimonio che l’associazione in ogni angolo del mondo riesce a scoprire? Come fare per valorizzare davvero la piccola bottega di paese o il caffè che fa qualità in una grande città? Bisogna costruire un contenitore semplice da riempire e da consultare, disponibile in più lingue e in grado di adattarsi alle differenze che esistono tra nazione e nazione. Una sfida non facile che, dieci anni fa, soprattutto per mancanza di una tecnologia adatta, venne riposta in un cassetto. Poi le applicazioni per smartphone e la geolocalizzazione diventano strumenti alla portata di tutti e così quel progetto abbandonato riprende a correre, fino a realizzarsi concretamente nella primavera del 2014. Slow Food Planet, grazie alle associazioni nazionali presenti nel mondo, nei prossimi anni mapperà l’intero pianeta alla ricerca dei migliori indirizzi dove mangiare, comprare e rilassarsi bevendo qualcosa. Entro la fine del 2014 i territori disponibili per il pubblico e per i soci saranno: l’Italia
(suddivisa in territori acquistabili singolarmente), New York, Barcellona, Mumbai, Parigi, Londra, Berlino, Istanbul. Ogni territorio sarà scaricabile al prezzo di 1,69 _ (i soci italiani avranno a loro disposizione l’Italia intera e due altri territori a loro scelta, gratuitamente) e conterrà un numero variabile di indirizzi a seconda del luogo. Un mondo slow, alla portata di Slow Food Planet mapperà l'intero pianeta alla ricerca dei migliori indirizzi dove mangiare, comprare e vivere slow tutti e facilmente consultabile grazie all’interfaccia dell’applicazione che valorizzerà l’immagine dei tanti luoghi e fornirà le informazioni principali: nome, indirizzo, momento di apertura, una breve descrizione e la posizione geografica, oltre a una galleria fotografica, per cogliere da subito l’atmosfera del posto. Non una guida, ma un compagno di viaggio. Uno strumento utile all’associazione per far conoscere quanto di bello il proprio territorio abbia da offrire; indispensabile per tutti, per non perdersi proprio nulla del luogo in cui ci si trova. Non resta che augurarvi buon viaggio e consigliarvi di “restare sintonizzati”!